Cerca
Close this search box.

LOGIN

Consegna gratuita a partire da 70€

Cerca

Albicocca frutto estivo con 3 ottime proprietà (e i consigli su come coltivare le albicocche)

raccolta albicocca frutto estivo

Tabella dei Contenuti

Sapevi che l’albicocca frutto estivo buono, e con tantissime ottime proprietà, ha una storia antichissima alle spalle?

Io l’ho scoperta facendo le mie solite scorpacciate di informazioni sulle materie prime che coltiviamo e lavoriamo in Azienda. E fra queste anche le albicocche con le quali prepariamo dolci, succhi e confetture.

Adesso che mi occupo molto più da vicino della produzione, infatti, mi piace approfondire quanto più possibile anche la storia e le proprietà di frutta e verdura che coltiviamo.

E sulle albicocche ne ho scoperte alcune che non immaginavo. Sì che mi piacciono da sempre, ma quando poi scopri che in quella polpa succosa si nascondono anche tanti ottimi nutrienti… le mangi con più gusto!

E insomma, a proposito dell’albicocca, questo frutto veniva coltivato in Cina già 2000 anni fa. Non saprei dire quali tecniche di coltivazione usassero all’epoca, ma conosco le nostre. E oggi, voglio condividerle con chi vuole coltivare le albicocche nel proprio orto, piccolo o grande che sia.

Voglio raccontare brevemente con quali tecniche curiamo la crescita delle albicocche, per renderle ancora più succose e saporite.

Come coltivare le albicocche per renderle succose e saporite

L’albicocca frutto della pianta (albicocco) della famiglia delle Rosacee cresce in un terreno fertile e con un buon grado di drenaggio, preferibilmente in un luogo esposto al sole e protetto da un’eccessiva ventilazione. Il periodo ideale per trapiantare è nei mesi tra ottobre e marzo, mentre quello della raccolta è tra giugno e settembre quando i frutti diventano maturi. 

Per i primi 2-3 anni la pianta ha bisogno di cure e tanta acqua. Le varietà più comuni non superano altezze di 7-8 metri, ma restano anche tra i 3-4 metri con la potatura, operazione che si fa pure per rendere più agevole la raccolta dei frutti quando sono maturi.

Vedrai l’albicocco perdere tutte le sue foglie nei mesi invernali, ma poi ti ripagherà per l’attesa e la fiducia con degli splendidi fiori che sbocciano tra febbraio e marzo nei loro colori bianco-rosacei.

Quello che ci tengo a passarti qui è il concetto della naturalità con la quale curiamo e trattiamo l’albero delle albicocche. Come al nostro solito, ormai lo sai se ci segui da un po’, non usiamo nessun pesticida o prodotto chimico.

Albicocca frutto succoso e saporito, ecco come curare la pianta

Per ottenerne un frutto dalla polpa succosa e saporita utilizziamo prodotti naturali: macerato di ortiche, infuso di camomilla e letame delle galline.

Ecco come li prepariamo

Lasciamo macerare per bene l’ortica con tutto il gambo in acqua bollente, poi una volta che si è macerata la scoliamo per ricavarne l’acqua che spruzziamo sulle foglie per tenere lontani gli insetti.

Ripetiamo la stessa procedura con l’infuso di camomilla che spruzziamo sulle foglie per dar loro una spinta naturale alla crescita. 

Questi consigli vanno bene per tutti, anche per chi ha un giardino di casa e vuole piantare un albicocco. Un altro consiglio, per chi l’ha piantato da poco, è quello di allargare i rami legandoli a dei picchetti piantati nel terreno. 

Quali sono le 3 migliori proprietà dell’albicocca frutto estivo?

Le proprietà dell’albicocca sono diverse, ma io ne voglio mettere 3 in evidenza perché vorrei condividerle con chi come me mangia pensando anche a cosa contiene quell’alimento, oltre ad apprezzarne il sapore:

100 gr. di albicocche apportano solo 28 kCal. sono ricche di acqua, vitamina A, Gruppo B e C, 

  • riducono la glicemia perché contengono tanta fibra
  • favoriscono la regolarità intestinale
  • placano l’appetito (ottimi spuntini sani soprattutto in estate).

Per altri approfondimenti sulle proprietà delle albicocche, segnalo questa risorsa esterna https://www.ilgiornaledelcibo.it/albicocca/.

Come scegliere le albicocche?

L’albicocca buona è quella matura al punto giusto e morbida al tatto. Se al tatto risulta dura, al primo morso la sentirai anche piuttosto aspra. 

Facebook
LinkedIn
Pinterest
WhatsApp
Email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Recenti

Le Ultime Novità

Spedizione gratuita con ordini da 70 Euro in su

Coontinua la lettura dal nostro blog

Articoli Correlati